Archivio novembre, 2009

  1. È che ci conosciamo tutti

    Poi alla fine l’ho comprato, il Rolling Stone in cui il PrezdelConz è rockstar dell’anno (in attesa della dovuta investitura a Sexiest Man Alive.) A me quelli di Rolling Stone Italia stanno simpatici: trovo commovente che ci sia, nel 2009, gente che ritiene di dover mantenere consoni gli standard della trasgressione mettendo le parolacce negli […]

  2. - ‘Spetta Robe’, prima che vai… Ti sei scopato qualcuna che conosco, di recente? – Hm… Non lo so, tu conosci un sacco di persone. …Tipo? – Tipo mia moglie. – Ah… “Così” di recente (Mi hanno regalato il corrispondente fumettaro di Closer. E io che oggi dovevo lavorare.)

  3. Rupert Everett ha fatto tutto: la più struggente storia di disamore senza lieto fine (Ballando con uno sconosciuto), la più frocia commedia romantica per le masse (Il matrimonio del mio migliore amico), la più inarrivabile ospitata da Barbara D’Urso (qualche settimana fa, una mezz’ora che non ci sono le parole per descrivere, non vedevo un complesso di […]

  4. Tyler Brûlé dà dello sfaccendato a Gianni Riotta. Lui, educatamente, ride.

  5. Mio marito è un uomo pieno di difetti, dall’essere troppo mattiniero all’avere una passione per le monelle vagabonde passando per il fatto che qualche ora fa ha detto «Si può sapere chi è ‘sto Manuel Fantoni», dimostrando incontrovertibilmente che le millemila volte in cui interrompo le sue cazzate dicendo «Sì, certo, e poi vi siete […]

  6. Gente con problemi seri/ 9

    Dover ripiegare su un paio di Prada imperfette, per incapacità – tra scatoloni, valigie, implosioni commercialistiche e disordine mentale – di trovare le perfette Miu Miu che avevi programmato di indossare.

  7. [Se non state vedendo West Wing per la prima volta; se l’altra sera non mi avete mandato un messaggio con scritto «I wouldn’t stop at red lights»; se non siete gente talmente romantica da farsi andar bene la dentona, almeno provvisoriamente – allora questi otto minuti non sono per voi. Se invece vi riconoscete nella […]

  8. Se divento una di quelle che fanno l’elogio dell’amore maturo e risolto, abbattetemi. E so benissimo che si hanno sedici anni a corrente alternata per tutta la vita (se non temessi di venire picchiata da un paio di michetti intolleranti al calco persino più di me direi che non se ne cresce mai davvero fuori), […]

  9. Passare davanti al televisore, gettare un’occhiata distratta al cantante con la voce graffiata che vincerà XFuck e, prima di prendere la Gazzetta e portare il proprio disinteresse in un’altra stanza, dire solo: «Sai quanti ce ne sono, a Caserta, di parcheggiatori che cantano come Giuliano?»