Archivio ottobre, 2010

  1. Accendo la tv nel momento in cui Marco Mengoni sta raccontando a Carabarbara D’Urso di quando era 95 chili. Dice che era ingrassato perché l’aveva lasciato la ragazza. Cinque minuti dopo, sta dicendo che non può credere si dica lui è omosessuale solo perché si mette il kajal, e che quando canta «Tu che sei […]

  2. La miglior recensione lunga del filmdeldecennio è su Salon. La miglior recensione breve l’ha formulata Paolo Landi, su un socialcoso poche ore fa: «Una generazione americana si è chiesta: ma tu dov’eri quando spararono a Kennedy? La nostra generazione più o meno si chiederà, per sempre: ma io, che cazzo facevo nel 2003?»

  3. I want your drama [Intercettazioni #31]

    - E da quando? – Da sempre. Da mai. Da quando ho smesso di pensare che un grande amore è un grande amore. – … – È una citazione. – Poi sono io quello stucchevole. – Io veramente non l’ho detto. Per quanto mi piaccia come parola. – Discutere con te è come fare il […]

  4. Chiamiamoli tutti Wu Ming, ché facciam prima

    Prima che arrivi qualche sociologo dilettante, col suo limitato nonché scaduto kit di interpretazione della contemporaneità che prevede solo l’opzione «Tutta colpa di Sex and the city», bisognerà che ci mettiamo lì e troviamo una motivazione a quest’arrivare a quarant’anni non solo incapaci di chiamare per nome i tizi con cui ci accoppiamo, ma pure […]

  5. Le grandi verità della socialità di rete

    L’incompatibilità di una crisi di mezz’età con un account Twitter (cit.) è comunque niente in confronto a quanto sia sconsigliabile avere ex fidanzati viventi e un account Facebook.

  6. Ricorderò il 2010 come l’anno in cui il mio alibi cambiò identità. Quello in cui il mio disadattato di riferimento smise di essere Glenn Gould, e cominciò a essere Mark Zuckerberg.

    Tags:
    Permalink - Categoria: Modelli
  7. It ain’t no sin to be glad you’re alive

    Enough with the posture, the nihilist swagger, the leaden life: roll down your window and let the wind blow back your hair. Quella stronza di Irene mi fa sempre piangere.

  8. Smallpox blanket

    Facciamoci sempre riconoscere, mi raccomando.

  9. Mi fido molto di una persona che sostiene che no, il tema non è «l’ha fatto per la ragazza» – forse mi fido perché tendo a credere che nessuna storia sia davvero a tema, e perché, come ho più o meno già scritto, se proprio devo individuare un tema, nel film del decennio, credo che […]