Archivio novembre, 2012

  1. Everybody is everywhere

    Nessuno che abbia un interesse anche marginale per la comicità, o per l’industria dello spettacolo, o per l’intelligenza umana, può dubitare che un’ora e fischia di Conan O’Brien e Judd Apatow sia piena di meraviglie. Tra le cose per cui andrebbe studiata: lo scambio di ipotesi su Obama (è davvero divertente o ha solo imparato […]

  2. Insomma sei lì che ascolti il nuovo De Gregori manco troppo attentamente, aspetti che finisca una lavatrice e non è che non pensi che ti piacerà (il disco, non la lavatrice), lo sai che ti piacerà, ché è sempre il solito discorso che parte da Ettore Scola, passa da Woody Allen e finisce chissà dove: […]

  3. Per carità, povero Aaron Sorkin che aveva già chiuso la seconda stagione su Sandy ed è capitato Petraeus e niente, ormai è deciso, gli episodi son quelli e questo monologo su come siamo pettegoli e interessati alle private tresche dei pubblici eroi non s’ha da fare (come dicono quei gègni del New York, se serve […]

  4. Alcune ragioni per cui è supercalifragilistica la storia del capo della Cia che si dimette perché scopava con la sua biografa il che, nel paese in cui si ostinano a far finta che l’adulterio non sia la norma, è inaccettabile per un Qualchecosa-in-Chief: Lei ha delle spalle che rendono sorde a qualunque dichiarazione faccia: voglio […]

  5. Le migliori elementari del mondo

    Tutti i discorsi contro il doppiaggio sono inutili. La pigrizia è una strada senza ritorno, ed è vano discutere con gente che ti chiede perché dovrebbe sforzarsi di seguire un dialogo in una lingua straniera quando glielo scodellano nella sua, che importa se è meno brillante, meno preciso, meno sensato, non vorrai mica essere così […]

  6. Cose che accadono quando una vi lascia quasi quattro settimane così, senza una telefonata, un rigo, un pizzino, una cronaca di viaggio. – Molte cavallette: telefoni perduti, aerei pure, per non parlare della pazienza. – Un teatro newyorkese in cui, ho scoperto poi, c’erano più italiani a vedere Louis CK di quanti ce ne siano […]