Archivio gennaio, 2013

  1. Questa intervista è così piena di citazioni citabili che non saprei quale scegliere, tra «pitch the movie as Magic Mike. Otherwise, if you’re using my name, you could mean The Good German» e «Adrian Lyne knew exactly what he was doing», tra «I just don’t think movies matter as much anymore, culturally» e «I feel like movies end like […]

  2. In merito all’offesa confesso di non capire esattamente cosa sia il “sentimento religioso” perché sfortunatamente non ne sono dotato. Ho sempre pensato che essere intimamente credenti non possa essere troppo diverso dall’essere intimamente liberali, o socialisti, o vegani. Si tratta di amare e riconoscersi in delle idee, in una visione della società e del mondo, […]

  3. Trattoria “La Sopraffina”

    Secondo la divisione dei libri da me sempre praticata – quelli che vendono e quelli che vengono recensiti – siamo partiti malissimo, e se non ho fin qui riportato rassegna stampa è perché da grande volevo essere Moccia, mica Calasso (no, ho sbagliato esempio, Calasso ha tutto quell’arredo coloradelphi gratuitamente a disposizione, certo che voglio […]

  4. Se fossi una di quelle che sanno moltiplicare gli accessi fingendosi interessate al vostro punto di vista, ché nulla garantisce piogge di commenti come chiedere al commentatore medio il suo banale parere e il suo ancor più banale aneddoto, vi chiederei com’eravate voi a vent’anni. Io a vent’anni ne avevo tredici. Sono cresciuta tardi, e […]

  5.   (stralcio di telefonata intercontinentale – spero con tariffa flat) «Ma esce oggi?» «Bella domanda. Dice di sì, però dice anche che tutti sanno che i libri che escono il 2 in realtà escono il 4.» «Eh?» «Eh.» «Sono timidi?» «Tipo che i librai devon fare l’inventario e non hanno tempo per gli stupidi libri […]