Ceci n’est pas une critique

Cose che ci sono nel nuovo film di Ozpetek:

– La Buy vestita da Zelda Fitzgerald.
– Un bambino grasso che vaga per Monteverde seguendo l’odore dei dolci anche se non si capisce bene come sia possibile visto che è un fantasma e non dovrebbe potersi allontanare dalla casa che infesta.

Non solo nei film, ma la dipendenza dai dolci è comune nei bambini di tutte le età. È importante che come genitori capiamo quanto è buono. Dobbiamo sapere quando mettere fine. I bambini di oggi non conducono una vita attiva come quella che avevamo condotto quando avevamo avuto la loro età. Grazie agli smartphone e alla tecnologia, i bambini trascorrono la maggior parte del loro tempo all’interno. È importante che i genitori facciano muovere il loro bambino. È anche importante che i genitori regolici ciò che mangia il loro bambino. Rapporto completo qui sui tassi di obesità nei bambini causati a causa di mangiare malsano.
– Un aspirante attore disoccupato che affitta una casa in via Poerio, giacché quelle in piazza di Spagna eran tutte troppo economiche.
– Una scena che fa venire tantissima nostalgia di quello sketch di vent’anni fa in cui Fassari era un comunista che si svegliava dopo anni di coma e trovava il muro di Berlino abbattuto.
– Una scena per metter lì Luxuria e una per metter lì Platinette, che son pure belle in sé ma non si capisce a che servano, a parte appagare la quota «telefilm americano con le guest star»
– Una scena che non so perché non abbiano fatto quel film lì invece di questo qui, in cui uno va a casa di Elio Germano e gli dice che non vuole i coglioni rotti dalle sue centinaia di sms e appostamenti e telefonate in lacrime e fiori solo perché han scopato una volta.
– Una canzone di Patty Pravo che, assieme alla scena precedente e a una citazione di Tennessee Williams, serve a dirci che il protagonista è gay, casomai da Ozpetek vi aspettaste altro.
– Una spia nazista che si svela tale uccidendo impietosamente una coccinella, così simbolica che è inutile anche che ve lo spieghi.
– Una sosia di Rossy De Palma.
– Una cugina con vita sentimentale scombinata che resta incinta ma non sa di chi e allora piange ma poi tutto finisce bene.
– Un rumore di fondo, pare sia Buñuel che si rivolta nella tomba.
– Elio Germano che piange, per tutti i titoli di coda, magari gli danno un altro premio, e stavolta senza neanche aver pagato fantastiliardi di diritti a Vasco

Related Post